Fiume Islandhigh Sandali Tacco Oro Rosa OpvWiu

SKU-17294-yyi04415
Fiume Islandhigh Sandali Tacco - Oro Rosa OpvWiu
River
Abbonati
Newsletter
Status Utente
Giovedì 2 Agosto 2018 - Ore 06:40

Il trattamento di dati personali effettuato con strumenti elettronici è consentito solo se sono adottate le seguenti misure minime:

Inizialmente vigeva anche l'obbligo di tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza ma è stato abrogato con la conversione in legge del D.L. 9-2-2012 n. 5 “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”, pubblicato nella G.U. del 9 febbraio 2012, n. 331.

Il titolare è pertanto obbligato ad adottare particolari misure che riguardano prevalentemente le modalità di accesso, in modo da poter verificare, in caso di illeciti connessi all'utilizzo dello strumento informatico, l'identità dell'autore dell'illecito o il responsabile dell'accesso abusivo dall'esterno: le credenziali di autenticazione ( login ) consistono in un codice per l'identificazione dell'incaricato ( user-id ) associato a una parola riservata ( Conversechuck Taylor All Star 70 Hi Hightop Dei Formatori Surplus Campo / Nero / Garzetta jH1EjrWwk5
) conosciuta esclusivamente dal possessore, oppure in un dispositivo di autenticazione ad uso esclusivo dell'incaricato (dispositivo di Aldocassedy Tacchi Alti Arancione n8LzW
), ad un codice identificativo o in una caratteristica biometrica.

In caso di trattamento di dati sensibili o giudiziari la password è modificata almeno ogni tre mesi.

Agli incaricati devono essere fornite dal titolare anche le prescrizioni in merito all'adozione delle necessarie cautele per assicurare la segretezza della password e la diligente custodia dei dispositivi di smart-card, che dovranno essere uniche e non cedute ad altri incaricati e aggiornate almeno ogni sei mesi.

Il legislatore prevede l'effettuazione di copie di back-up degli archivi con frequenza settimanale.

Il trattamento di dati personali effettuato senza l'ausilio di strumenti elettronici è consentito solo se sono adottate le seguenti misure minime:

Chi si serve di strumenti non automatizzati per la raccolta e la gestione di dati personali deve individuare gli incaricati del trattamento, con documento di scadenza annuale, ed impartire istruzioni scritte relative alla gestione dei dati e alla loro custodia.

Quando i documenti contenenti dati sensibili sono affidati agli incaricati della gestione per lo svolgimento dei relativi compiti, gli stessi documenti sono controllati e custoditi dagli incaricati fino alla restituzione, in modo da impedirne l'accesso a persone prive di autorizzazione, e sono restituiti al termine delle operazioni affidate.

L'accesso agli archivi contenenti dati sensibili deve essere controllato e le persone ammesse, a qualunque titolo, devono essere identificate e registrate, sia controllandone l'identità che il tempo di permanenza all'interno del locale.

Quando gli archivi non sono dotati di strumenti elettronici che gestiscono il controllo degli accessi o di addetti alla vigilanza, coloro che vi accedono sono preventivamente autorizzati.

aggiornata oggi alle 12:13

Abbonati Entra

Non volevano tornare in Libia e per questo sono stati abbandonati in mare. Sono morti così - secondo Open Arms - una mamma e il suo bambino, lasciati al loro destino dalla Guardia costiera libica. Una seconda donna salvata per miracolo dalla ong spagnola. Per il ministro Salvini, sponsor della Libia luogo sicuro, sono solo «bugie» e promette:« Io tiro dritto»

Ong denuncia: «Migranti abbandonati in mare dai libici»

Adriana Pollice

Morti una donna e un bambino, un’altra donna tratta in salvo da Open Arms. Salvini: «Tutte bugie, io tengo duro»

Leo Lancari

Francesco Marchi

Una coppia afghana da un anno in Italia

Filippo Miraglia

Sebastiano Canetta

In un'intervista ha lodato la linea dura del governo pentastellato

Rachele Gonnelli

Con 40 migranti partiti dalla Libia ha peregrinato per giorni in cerca di un porto aperto

Luca Martinelli

Nell’ultimo anno le coperture artificiali hanno riguardato 54 km2 di territorio, 2m2 al secondo. Maglia nera al lombardo-veneto

Rossella Muroni*

Stefano Lippiello

Dazi aboliti per 58 miliari di esportazioni verso il Giappone e 54 miliardi di importazioni europee

Anna Maria Merlo

Unione Europea e Giappone firmano due partnership, commerciale e strategica. Un "momento storico" per Juncker. Tusk: "una luce nel buio crescente della politica internazionale". E' il primo trattato che integra i principi dell'Accordo di Parigi sul clima

Monica Di Sisto

Andrea Colombo

Il ministro in commissione al Senato conferma il calo delle stime sul Pil e parla di riforme «compatibili con gli spazi finanziari»

Roberto Ciccarelli

Governo alla ricerca di risorse per gli incentivi alle imprese. M5S e Lega vagliano modifiche sui voucher. Sono iniziate le audizioni alla Camera sul decreto: ieri i sindacati. Oggi Di Maio, domani Boeri (Inps). Landini (Cgil) attacca la reintroduzione dei voucher: «Spero che sia un colpo di sole, reagiremo»

Il giudizio del docente di diritto del lavoro all'università di Lovanio sul "Decreto Dignità": "Scambiare una stretta sul contratto a tempo determinato con la reintroduzione dei voucher non è un avanzamento, è il passo del gambero". "A destra come a sinistra si parla solo dell'aspetto quantitativo dell'occupazione ma non affrontano in alcun modo le questioni connesse alla qualità del lavoro"

Massimo Franchi

Ministro incerto e anche Travaglio lo loda. L’alternativa leghista Brambilla non convince il M5s

Iacovone (Cobas): sconfessato il progetto di legge dei sottosegretari Cominardi e Crippa

Micaela Bongi

Al posto dell’ingombrante Gasparri sarà presidente il senatore fedelissimo di Berlusconi

Politica

Condividi:

Commenti:

55

La direttiva del ministro: prestazioni diversificate per richiedenti asilo e rifugiati. Accordo con l'Anac per ridurre i costi

Claudio Cartaldo - Lun, 23/07/2018 - 20:01
commenta

La direttiva è stata firmata. Matteo Salvini mette il naso nei servizi per l'accoglienza dei migranti con l'obiettivo di ridurre gli sprechi e limitare le spese dello Stato per l'accoglienza.

E lo fa rivoluzionando le modalità di realizzazione dei prestizi dedicati agli immigrati. Da una parte, decide di "differenziare" i richiedenti asilo dai rifugiati. E dall'altra punta a ridurre la spesa giornaliera per immigrato che lo Stato attualmente spende (come chiesto dalla Corte di Conti).

Il nuovo modello di accoglienza, dunque, funzionerà così. Appena un immigrato mette piede nel Belpese, o lo ha già fatto, e chiede il diritto d'asilo, questi verrà spedito in un centro di accoglienza. Ma a lui saranno riservati solo i servizi minimi : vitto, alloggio e la prima accoglienza. Mentre solo una volta ottenuta una forma di protezione, sia esso lo status di rifugiato o la protezione internazionale, inizieranno gli interventi per l'inclusione sociale.

Un vero e proprio cambiamento, visto che il 60% delle richieste di asilo viene poi respinta. Per ridurre i costi, poi, la direttiva prevede una differenziazione dei servizi anche in base alla tipologia di accoglienza messa in campo. Per le piccole strutture costituite da singole unità abitative situate sullo stesso territorio o in ambiti contigui, ad esempio, verrà creata una rete di servizi in modo da produrre delle economie di scala e dunque dei risparmi. I piccoli centri di accoglienza dovranno condividere tra le altre cose i servizi amministrativi, la mediazione linguistico-culturale e l'informazione normativa.

Il colpo più grande ai costi arriverà però grazie alla collaborazione con l' Anac , cui è stato chiesto di individuare sulla scorta dei prezzi standard di riferimento e di creare un nuovo capitolato per la fornitura di beni e servizi, "comprensivo degli schemi di bandi tipo a cui dovranno attenersi i prefetti nella predisposizione delle gare di appalto di competenza". I pasti a Nord e a Sud e tra una struttura e l'altra dovranno dunque far riferimento a questi prezzi standard, evitando sprechi o furberie. In questo modo, è il ragionamento di Salvini, dovrebbe abbassarsi la base d'asta che oggi è fissata a 35 euro al giorno a immigrato.

Per questo oggi è stato firmato un accordo tra Viminale e Anac. L'iniziativa è stata presa dal Ministero dell'Interno che ha chiesto all'Anac guidata da Raffaele Cantone un supporto per controllare i bandi per la fornitura di beni e servizi per l'accoglienza dei migranti. Come raccontato dal in una lunga inchiesta , infatti, spesso nei contratti stipulati dalle prefetture con le varie coop, srl e associazioni si annidano sprechi e sperperi.

In base all'intesa stilata oggi, l'Anac "". Una volta che Cantone e i suoi uffici avranno iniziato il loro lavoro, si dovrebbe arrivare ad una standardizzazione deklle procedure, in modo da aiutare le prefetture a fare i bandi e risparmiare qualche soldo.

"", ha detto il Presidente dell'Anac Raffaele Cantone . "".

Raccomandato da
Tag:
immigrazione
Persone:
Matteo Salvini
Potrebbe Interessarti Anche
Raccomandato da
Commenti

Una-mattina-mi-...

SONO O NON SONO RISORSE? BENE, CHE PAGHINO TUTTO, FINO ALL'ULTIMO CENT!!!

mbferno

Ancora troppi. Ridurre a 10 euro. Chi offre di meno? 9? Aggiudicato. Chi non è d'accordo con Salvini,salpi...il mare è sempre aperto....

Gianni11

Benissimo cosi'! Forza Salvini! Tuttavia 25 Euro sono sempre 750 al mese, sempre troppi per clandestini che non hanno NESSUN diritto di essere qui'.

stopbuonismopeloso

anche 25 euro sono troppi, vuole dire 800 euro al mese solo di spese dirette, molto più di quanto prendono molti pensionati, che in ogni caso, hanno più diritti delle centinaia di migliaia di clandestini traghettati in italia dalle ong compiacenti col pd, senza contare tutti i costi per la sicurezza, causati dalla tendenza delinquere di questi ospiti indesiderati, le spese sanitarie ecc.

thunder

E'ancora troppo,io avrei speso 20 euro,e accelerare i rimpatri,togliere i ricorsi.E'ora di finirla con questa storia.

cape code

Bravo!! Tanto hanno detto che ci pensano Riflessiva, Nick2, BabbuinoComunistaPerSempre e Angerona a mantenerli...ahahah

Divoll

I costi dello stato (ovvero del contribuente) x i migranti dovrebbero esere ridotti a ZERO e scaricati interamente sul Vaticano e sulle donazioni degli immigrazionisti, a cominciare da Saviano, Boldrini, Fico co.

WSINGSING

....Anche un po' di meno non guasterebbe......

routier

Sono moltissimi anni che subisco dai politici cocenti delusioni. Spero che Salvini interrompa la serie negativa. Gli sarei oltremodo grato.

steluc

Bisogna battere i sinistrati con le loro armi, hanno ingabbiato il paese con regole impossibili, ottima l’idea di S. di farci cascare dentro Coop e affini, vedremo chi accoglie e chi magna. Prevedo un ( figurato) bagno di sangue.

venco

Si diano servizi a richiedenti o rifugiati SOLO se hanno documenti di riconoscimento e provenienza.

malatesta

In tasca ai migranti (poveretti loro) , dei famosi 35 euro, ne arrivano solo 5 perche' gli altri 30 se li intascano i furbi pro-accoglienza.Bene Salvini, avanti cosi'.

pensionataincavolata

ho 620 euro di pensione e pago l'affito. riesco a fare un budget spesa giornaliero di 5 euro. ho da pagare una parte delle mie medicine ogni mese. perchè mai quelli che non sono italiani sono così serviti senza avere contribuito al paese ? 15 euros son fin troppi.

de barba rossano

qualche giorno fa su LA7 si notava che gia' molte coop e associazioni "benefiche" si stanno defilando dal business immigrati. se poi da 35 passiamo a 20 euro allora vedi che per molti sara' meno conveniente il magna-magna.
Anche fosse uno solo va benissimo!

menteaperta

SONO SEMPRE TROPPI--FINIAMO QUESTA COMMEDIA, le città sono invase da questi nulla facenti(nel migliore dei casi)

moichiodi

Articolo acrobatico. Mancano i numeri e i saldi..

hernando45

Purtroppo il MARCIO diffuso in tutti i GANGLI dello stato e difficile da ESTIRPARE, anche per uno come Salvini e quindi PUTOST CHE NIENT PUTOST. Ma non ne sono felice!!! AMEN.

MgK457

Nel caso trattasi di clandestini vanno messi a pane e acqua, quindi rimpatriati a loro spese su gommone di ritorno, altro che aereo a nostro carico, Sig. Ministro.

hernando45

I numeri e i saldi perche non li hai mai chiesti ai tuoi amici che hanno S/governato fino a ieri maoichiodi 22e07!!!!Ti saresti risparmiato le ACROBAZIE che stai tentando di inventarti ORA!!!!Hasta mañana.

saggezza

Le cooperative ed i vari centri di accoglienza devono essere sottoposti a controlli fiscali da parte della Guardia di Finanza e delle Agenzie delle Entrate.

stopbuonismopeloso

solo centri di detenzione ed espulsione, nessuno libero di circolare, camerate pluriletto, mense comuni super economiche, tutte le incombenze domestiche sbrigate dagli stessi clandestini, obbligo di imparare la lingua ed un eventuale lavoro, zero pocket money, allora si vede chi sono i veri rifugiati (pochissimi) e chi solo degli scrocconi (quasi tutti)

wilegio

Ma soprattutto un solo grado di giudizio per l'accoglimento o meno del diritto di asilo. Ed è già molto, perché nei loro paesi molto spesso non avrebbero neanche quello.

tarcento22

Finalmente! Bravo Salvini

apostrofo

Qualche buonista dice che anche noi siamo stati migranti. Ma a noi tutti questi diritti ce li hanno fatti vedere in cartolina. Nessuno si è spolmonato a venirci a raccogliere chissà dove, anzi.

Popi46

E se si ragionasse sulla base delle calorie? Se fuggono dalla fame, sono abituati ad introdurne in scarsa quantità. Un adulto del mondo occidentale, con attività fisica sedentaria, necessita di circa 1500 cal/die. Chi fa la fame, sarebbe contento di averne, diciamo, 1000 al giorno. Proteine e zuccheri forniscono 4kcal/g, grassi 9kcal/g. Un dietologo è sicuramente in grado di elaborare una dieta equilibrata su queste basi e di certo i risparmi sarebbero consistenti....

il sorpasso

Non ho votato Salvini ma devo ammettere che sta facendo ciò che aveva promesso in campagna elettorale, forza avanti così complimenti.

portuense

tagliare, e bloccare gli sbarchi....
Salvini? vuoi ridurre gli sprechi? metti tutti i consumi (LUCE,ACQUA,GAS), A TEMPO. con sensori.

Gianx

Capisco Salvini che lotta da solo contro i mulini a vento, tutti pronti a fregarlo appena fa qualcosa. Sta cercando vie legali per abbassare i 35 euro al giorno. Dovrebbe a mio parere portare avanti lo scontro duro e abbassare la cifra a 15 euro. Però capisco anche che da solo è dura contro giornali,media, magistrati, chiesa e roba del genere. Il capitano

lisanna

si risparmiera' davvero quando si respingiranno subito,

venanziolupo

a parte il fatto che nell'articolo non c'è scritto che da 35€ si passa a 25€ .... non so da dove avete ricavato questa cifra ..... comunque rimane il fatto che in Austria uno di questi costa 19€ ..... che in Austria la vita costi meno ? non credo ..... è più probabile che ci siano meno parassiti ....

FRATERRA

....ridurre a 20 euro è già abbastanza..... e andando scemando la cifra(da intercettazioni dicono che in totale al giorno per mangiare, spendono cadauno 2,80)le coop, cominceranno, ad abbandonarli...nelle piazzole di sosta.....

Marcello.508

«Per questo oggi è stato firmato un accordo tra Viminale e Anac. L'iniziativa è stata presa dal Ministero dell'Interno che ha chiesto all'Anac guidata da Raffaele Cantone un supporto per controllare i bandi per la fornitura di beni e servizi per l'accoglienza dei migranti. Come raccontato dal Giornale in una lunga inchiesta, infatti, spesso nei contratti stipulati dalle prefetture con le varie coop, srl e associazioni si annidano sprechi e sperperi.» Molto bene, oltretutto ridurre di 10€ la "diaria" giornaliera è un risparmio da impiegare anche nel campo delle espulsioni per chi non avesse diritto a permanere in Italia.

DRAGONI

MI RACCOMANDO NON TAGLIATE LE RISORSE ECONOMICHE PER EFFETTUARE LA MANICURE ALLE CLANDESTINE...!!

AngeloErice

A prescindere che il debito dello stato sia il riflesso di spese più alte delle entrate, altrimenti detto "vivere al di sopra dei propri mezzi", nel caso dell'Italia debito da campionato mondiale, questa generosità e assistenza, compresa medica che aspetta nei moli quando non si scomoda addirittura sulle navi dovrebbe cessare. Italia con tanto di debito "finanzia" tale generosità e assistenza facendo l'equivalente di un MUTUO con interessi da capogiro mentre milioni di connazzionali sono se non esattamente alla fame in preda a mille privazioni.

Risorgeremo

Chiudere i cordoni della borsa è la maniera migliore per far evaporare lo spirito di generosa accoglienza di preti e ong. I quali adesso andrebbero costretti a mantenere i migranti nullafacenti a proprie spese, onde evitare disordini.

CidCampeador

troppi ancora massimo 15 al giorno come fanno nell'accogliente spagna

istituto

Due osservazioni. La prima è che se ben ricordo non è il 60% delle richieste di asilo ma il 90% circa come è statomdettomda più parti in questi anni dalle fonti statistiche. Poi nell' articolo si è parlato di protezione internazionale o umanitaria ideata da Prodi e dalla sinistra per fare rimanere i clandestini in Italia. Ma Salvini non aveva detto che avrebbe eliminato questo schifo ?

Gion49

Un cittadino italiano se non trova un lavoro non può mangiare e deve dormire sotto i ponti. Questi arrivano da chissà dove,senza identità, pronti ad oziare, bivaccare, mendicare, spacciare e quant'altro, e lo stato italiano gli garantisce di tutto e di più. Un paese sadico e masochista nei confronti dei suoi stessi concittadini.

robby82

Sono ancora troppi 25 euro al giorno, Questi soldi andrebbero dati a quei poveri italiani che non arrivano a fino mese con delle pensioni ridicole da fame che neanche riescono a mangiare e che vanno addirittura a frugare nei bidoni dell'immondizia per campare!!!! ASSOLUTAMENTE NO a queste pseudo risorse(clandestini) che vengono nel nostro ormai povero paese solo per bivaccare per strada stare tutto il giorno con il telefono in mano, con zero voglia di lavorare e zero voglia di integrarsi ma sopratutto a delinquere qui da noi! Ma tanto si sa già perchè lavorare tanto vengono mantenuti da noi fessi italiani! oppure bisognerebbe dare quei soldi a quei poveri terremotati! ma siamo in italia qui va tutto al contrario! PRIMA GLI ITALIANI!!!!, BASTA MANTENERE QUESTI CLANDESTINI SULLE NOSTRE SPALLE!!! APPENA ARRIVANO VANNO RIMPATRIATI NEL LORO PAESE PUNTO.

robby82

Basta accoglienza,bisogna rimpatriarli tutti quanti questi CLANDESTINI!!

Leonida55

Nessuna spesa, tranne quella per il ritorno immediato. Alternative? Li prendesser otutti i parrucconi europei oppure i ciarlatani komunisti italiani, visto che ci tengono molto, ma li mantenessero di tutto punto questi falsi buonisti.

ClioBer

Va bene ridurre i costi, ma cosa si aspetta ad abrogare la Legge n. 189 del 30 luglio 2002, governo Prodi, con la quale si concedeva lo status di rifugiato, anche, per motivi umanitari / economici? Ovvero, una norma che, a parte la Germania che ha una forma simile, che chiamano “Assistenza Sussidiaria” non ha nessun’altro paese al mondo? Perché, in tal caso, quella quota del 40% che riesce ad ottenere “accoglienza e privilegi”, si ridurrebbe al 5/6%

Candidoecurioso

Credo che prima di tutto vadano bloccati gli automatismi per la cittadinanza: Dopo 10 anni, anziché il passaporto si può benissimo concedere il permesso permanente di residenza e lavoro, che permetterà ai nostri figli di gestire e rimediare anche fra 30 anni alle cavolate che stiamo facendo oggi, senza per forza arrivare alla guerra civile
questi vengono in Italia convinti del benessere che viene concesso. non vorrei che riducendolo si creassero manifestazioni di intolleranza "guidate". sarebbero catastrofiche.

Elvissso

DACCORDISSIMO,MA VEDIAMO DI RISPEDIRLI IN AFRICA.
MA FINALMENTE ERA ORA! MA NON BASTA... NE AVETE TROPPI NEL VOSTRO PAESE... TROPPI.

Giovanni da Udine

Potremmo pagare quanto la Francia. Per l'accoglienza la Francia spende decisamente meno dell'Italia. Secondo il documento dell’EMN, Parigi spende 24 euro al giorno per richiedente asilo (sono compresi accoglienza, sistemazione e welfare), che scendono però a circa 16 euro per quelli accolti in strutture di emergenza. E' evidente che quei 14/19 euro a migrante assistito producono nelle tasche delle coop italiane un bottino miliardario!

emigrante

Dove lavoro io, la bravissima Segretaria della mia sezione prende mensilmente l'equivalente un centinaio di Euro, fa 12 ore al giorno, una domenica di riposo su due, e 15 giorni di ferie all'anno. E i lazzaroni che di qui vengono in Italia per essere serviti con i guanti, lamentarsi della qualità del cibo, pratricare l'accattonaggio, bighellonare con cuffie e telefonini, aggregarsi alla malavita, ci verranno comunque a costare tra i 25 Euro al giorno, più le spese accessorie, 15 o 20 volte tanto! Rimandarli indietro senza problemi di coscienza!

Rossana Rossi

Ancora troppo, i clandestini vanno ridotti a zero, chi non ha documenti e non proviene da paesi in guerra deve far ritorno da dove è venuto......

Friulano.doc

Salvini, in mezzo a mille difficoltà,colpito dalle critiche dell'intellighenzia cattocomunista, sta semplicemente tentando di salvarci dall'invasione e dalla distruzione. Grazie.

Malacappa

25 euro al giorno e'piu' di quello che molti italiani prendono di pensione,adesso vedrete che anche gli altri paesi faranno lo stesso cosi gli invasori faranno 2 conti dove andiamo dov'e' la pacchia

Angelo664

robby82 ... daccordo totalmente. Ma per fare cio' va messo da parte il buonismo italico del cacchio che ha portato a tutto cio'. La mancanza del senso pratico quello civico ed una indignazione giusta quando vengono lesi certi diritti. Purtroppo l'italiano medio se ne frega se in strada litigano e ti spaccano la testa quando passi, basta che ci sia la De Filippi su Canale 5 e che non tocchi a lui. Di scendere in strada e protestare o ancor meglio andare in massa prendere questi tizi ed impacchettarli a dovere nemmeno dipinto sul muro, devono farlo sempre gli altri. Invece i padroni del territori siamo noi e noi dobbiamo difenderlo.

FG2018

Un invalido civile italiano dovrebbe vivere con una "pensione" di 279,47 euro al mese e per 13 mensilità. Perché le indennità per questi rifugiati dovrebbero essere diverse? Un italiano in difficoltà per grave malattia avrebbe meno diritto di vivere di un rifugiato straniero?

Info e Login

Corriere della Sera
Copyright 2018 © RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati | Per la pubblicità: RCS MediaGroup RCS MediaGroup S.p.A. - Direzione Media Sede legale: via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano | Capitale sociale: Euro 475.134.602,10 Codice Fiscale, Partita I.V.A. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n.12086540155 | R.E.A. di Milano: 1524326 | ISSN 2499-0485